Just Another Brick in The Wall

4 TAccendo la TV e vedo gente in piazza, immagini di manifestazioni, scontri, violenza di gente stanca e incazzata.

Allora penso – al di fuori della cronaca odierna, di cui ho vecchi ricordi di cronista, e che ho sempre condannato – che non potrà esserci un vero cambiamento, nella nostra piccola Italia, solo con le parole e i buoni propositi. Ogni cambiamento vero, radicale, deve passare per una rottura netta, forte, violenta, che tagli ogni legame col passato, rilanciando un vero rinnovamento sociale, per ritrovare (o scoprire) quei valori umani che più di 200 anni fa i francesi hanno mostrato al mondo.

Continue reading

Sharm. Invasione di topi (d’appartamento)

Sharm el Sheikh è cambiata molto nel corso degli anni, e sicuramente non in meglio: oltre al massiccio arrivo di comitive di vacanzieri “generici”, che ormai hanno sostituito la gran parte dei subacquei, sono aumentati in maniera esponenziale i casi di furti in appartamento ai danni degli stranieri.

Negli ultimi mesi numerose denunce sono state presentate alla stazione di polizia di Sharm, sempre per effrazioni e furti nelle abitazioni di stranieri residenti. Continue reading

Le rotatorie a Sharm. Manuale per pochi intimi

Qualche giorno fa ho avuto modo di leggere, su una pubblicazione locale di Sharm el Sheikh, un articolo che mi ha colpito: era intitolato “Le rotatorie di Hadaba”.
Per prima cosa è bene specificare alcuni punti, per meglio comprendere.
Il primo punto riguarda la pubblicazione in questione: un free-press che qui si trova un po’ ovunque, edito in lingua inglese.
Il secondo punto riguarda il bacino di utenza: un pubblico di lettori quasi esclusivamente stranieri, principalmente residenti.
Il terzo punto riguarda la località: “Hadaba”, una zona residenziale di Sharm el Sheikh dove, tradizionalmente, abitano la maggior parte dei residenti stranieri (italiani, inglesi, tedeschi, spagnoli, ecc… e russi, naturalmente, che ormai li trovi ovunque…).

In quel di Hadaba, appunto, sono recentemente state inaugurate ben due rotatorie nuove di zecca! Il “recentemente”, è d’obbligo precisare, si riferisce alla realizzazione delle rotatorie, visto che i lavori stradali, iniziati circa un anno fa per dar vita ad un’opera “faraonica” (il termine è appropriato…) di ben due chilometri (scarsi) di asfaltatura, è ancora da terminare… ma per questo c’è tempo… Continue reading