Quei bravi ragazzi della Diaz

Io c’ero. Ecco cosa mi è venuto in mente l’altro ieri, quando ho sentito passare al TG l’ultima notizia sulla lunghissima vicenda del G8 del 2001. In una calda estate italiana, tra le strade di quella grande scatola sigillata che era Genova, io c’ero.

Ero lì con l’amico e collega Andrea Ruggeri, inviati dai nostri rispettivi giornali. Eravamo partiti insieme da Firenze e vivevamo quei giorni sotto lo stesso tetto (per la verità ci toccava dividere pure lo stesso letto), rincorrendo gli eventi sotto il sole che batteva le strade di una Genova avvolta da un clima  di pesante attesa. Quell’estate non l’avremmo mai più dimenticata.

Continue reading