Egitto in rivolta, giornalisti in prima linea

Nei conflitti, una delle prime luci che si cerca di spegnere, in ogni parte del mondo, è quella dell’informazione.

Il Governo egiziano ha già dato dimostrazione di questo, nei primi giorni della protesta, oscurando internet, e tagliando fuori il Paese da ogni comunicazione con l’esterno.

I giornalisti hanno però potuto svolgere il loro lavoro con mezzi di fortuna, riuscendo comunque a stabilire i collegamenti con le Redazioni.

In questi ultimi due giorni stiamo assistendo ad un vero tiro al bersaglio nei confronti dei tanti colleghi che cercano, con estrema professionalità, di testimoniare ciò che accade per le strade del Cairo, tra la gente, attraverso il Paese.

Questa mattina mi sono messo in contatto con un collega fotoreporter, inviato in Egitto per seguire la crisi. Ometto il nome e la nazionalità – come mi ha chiesto – per motivi di sicurezza, ma conoscendolo bene e avendo lavorato con lui per anni, posso garantire che si tratta di un ottimo professionista, abituato a gestirsi in zone calde e situazioni difficili. Questa la sua testimonianza: Continue reading