I Casamonica in TV. Solo lo stolto guarda il dito

Ieri, sfogliando le pagine virtuali dei vari media italiani, una delle notizie che campeggiava in bella mostra era l’indignazione generale nata della partecipazione alla puntata di Porta a Porta in onda martedì scorso, di alcuni componenti del Clan Casamonica. Ovviamente questi erano stati invitati, non è che si fossero imbucati come ad una festicciola estiva.

Hanno esposto i loro bei faccioni alle finestre serali degli italiani, da quel palco che normalmente offre alla cultura sopraffini consigli di chirurgia estetica, diete, un po’ di gossip, qualche politico di passaggio e tanta, tanta chiacchiera da bar.

Ora, premetto che io – e ringrazio Mamma RAI per questo – non ho la possibilità di vedere i programmi italiani neppure online, vivendo all’estero la maggior parte del tempo non posso accedere agli strepitosi palinsesti di Viale Mazzini. Ovvio quindi che non possa esprimere un parere sul tenore della puntata dell’altra sera, sulla sua conduzione, sui contenuti esposti da questo o quell’altro ospite. Mi limito quindi alla notizia, al suo impatto e alla reazione scaturita. Continue reading

Reportage in Guatemala, il fotolibro

Eccoci tornati dalle ferie, alle prese con le faccende che avevamo temporaneamente accantonato per dedicarci a tempo pieno a noi stessi.

Vi ho lasciato un lungo periodo di riposo da queste pagine e dalle mie divagazioni (spero apprezzate) su argomenti vari. Adesso è tempo di ricominciare, con forza e speranza.

Questo primo post di fine estate lo dedico interamente alla presentazione del mio ultimo reportage, una documentazione fotografica raccolta in un fotolibro, frutto del viaggio che ho fatto a giugno in Guatemala. Continue reading