Just Another Brick in The Wall

4 TAccendo la TV e vedo gente in piazza, immagini di manifestazioni, scontri, violenza di gente stanca e incazzata.

Allora penso – al di fuori della cronaca odierna, di cui ho vecchi ricordi di cronista, e che ho sempre condannato – che non potrà esserci un vero cambiamento, nella nostra piccola Italia, solo con le parole e i buoni propositi. Ogni cambiamento vero, radicale, deve passare per una rottura netta, forte, violenta, che tagli ogni legame col passato, rilanciando un vero rinnovamento sociale, per ritrovare (o scoprire) quei valori umani che più di 200 anni fa i francesi hanno mostrato al mondo.

Continue reading

Spesa pubblica, il modello di un certo estero.

SPManovra Fiscale, Legge di Stabilità, Legge Finanziaria, comunque la si chiami è sempre la stessa rapina discriminata nei confronti degli italiani. I politici non vogliono tagliare i benefici del loro status? Potrebbero limitare il problema della spesa pubblica facendo pagare di più chi non è italiano, come fanno in molti altri paesi del mondo.

Tra le spese pubbliche più rilevanti ci sono sicuramente quelle dell’assistenza sociale e sanitaria, due voci che pesano come macigni sulle spalle (e le tasche) di tutti gli italiani. Ma come si regolano all’estero?

Continue reading

Il bosone di che?!

ecco_il_bosone_di_higgs__forse_2306Oggi è stata resa nota dall’Accademia delle Scienze di Stoccolma, l’assegnazione del Premio Nobel 2013 per la Fisica al Prof. Peter Higgs, scopritore della particella subatomica nominata appunto “Bosone di Higgs”, o “Particella di Dio”.

Dopo aver appreso la notizia dal telegiornale, corredata da una buona dose di compiacimento nazionalista per il contributo italiano agli esperimenti che hanno portato alla sua identificazione (e quindi alla validazione scientifica della teoria di Higgs), mi sono inchiodato alla televisione in attesa del servizio annunciato da TGR Leonardo. Chissà, magari sarei riuscito a capire cosa fosse questo “bosone”…

Continue reading

Immigrati, verso l’Isola che non c’è

image24Sale a oltre 200 il conto delle vittime della sciagura nelle acque di Lampedusa, che dalla scorsa settimana monopolizza l’attenzione dell’opinione pubblica italiana ed europea.

Tra indignazione popolare, esternazioni politiche di circostanza e cordoglio generale, sembra quasi che le colpe dell’accaduto siano ricadute come un fardello ignobile sulle spalle dell’Europa, e dell’Italia in prima battuta, che dei confini comunitari (quando fa comodo) pare sia responsabile del controllo, dimenticando velocemente il comportamento dei nostri vicini d’oltralpe, che giusto qualche anno fa avevano bloccato la frontiera, al flusso proveniente dall’Italia.

Continue reading

La circolarità storica del Dito nell’Occhio

fo-whiteAlla fine degli anni ’80 la sezione fiorentina dell’allora M.S.I. (Movimento Sociale Italiano)  distribuiva per posta una pubblicazione di poche pagine, col nome di “Il Dito nell’Occhio”.

Gli argomenti trattati erano vari, sempre riconducibili ad una campagna di informazione politica rivolta ai simpatizzanti, sui problemi del territorio fiorentino, dell’amministrazione locale, e della propaganda politica di opposizione. Ce n’erano molte di pubblicazioni così a quei tempi, e ce ne sono tuttora. Non ricordo bene con che periodicità veniva redatta, ma ne ho letti vari di numeri.

Girando in rete, mi è capitato di effettuare una ricerca su Google, per sapere che fine avesse fatto, dopo quasi vent’anni dallo scioglimento del partito e dalla diaspora missina verso altri lidi elettorali. Continue reading